Home Broker Recensioni ed opinioni su Poloniex, perché è meglio starne alla larga?

Recensioni ed opinioni su Poloniex, perché è meglio starne alla larga?

Poloniex è un exchange attivo dal 2014 e che, nonostante la popolarità raggiunta, ha riscontrato enormi nei pagamenti e non può dichiararsi esente dagli attacchi informatici. Approfondisci l’argomento e scopri delle valide alternative per comprare e vendere criptovalute in totale sicurezza.

Recensione utenti: 29 votes
75% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Poloniex è un exchange attivo dal 2014 e che, nonostante la popolarità raggiunta, ha riscontrato enormi nei pagamenti e non può dichiararsi esente dagli attacchi informatici. Approfondisci l’argomento e scopri delle valide alternative per comprare e vendere criptovalute in totale sicurezza.

Poiché le criptovalute sono diventate sempre più popolari negli ultimi anni, gli investitori hanno trovato nuovi modi per guadagnare utilizzando queste tecnologie. Nuove startup, app, modalità di raccolta fondi, token e valute stesse sono entrate sul mercato a un ritmo a volte sorprendente.

L’industria digitale è cambiata molto rapidamente nella sua breve storia e ciò ha portato molti investitori a essere cauti quando si tratta di potenziali rischi per la sicurezza. Fondato all’inizio del 2014, Poloniex è emerso come uno dei nomi più importanti e polarizzanti nel mondo degli exchange di criptovalute, in gran parte per il suo rapporto con la sicurezza degli utenti e delle transazioni.

Che cos’è Poloniex

Poloniex è un servizio di trading di criptovalute. È un tipo di exchange attraverso il quale gli utenti possono effettuare transazioni in diverse valute digitali in tutto il mondo. Poloniex è dunque molto simile ad altri exchange che abbiamo trattato nelle puntate precedenti con sede in vari paesi.

Ciò che rende Poloniex diverso dal modo in cui sono strutturati molti altri exchange, tuttavia, è il fatto che è progettato come un puro exchange da valuta digitale a valuta digitale. Gli utenti possono dunque effettuare transazioni solo in criptovalute.

Nel caso di alcuni exchange, gli utenti possono acquistare o vendere criptovalute con o in valuta legale. Questo non è attualmente il caso di Poloniex; tutti gli scambi vengono effettuati tramite altre criptovalute. Mentre la maggior parte degli exchange di valute digitali consente agli utenti di acquistare in una criptovaluta con una valuta fiat di un tipo o di un altro, con Poloniex, gli utenti devono già possedere almeno una quantità di una delle valute digitali offerte per partecipare al mercato dei cambi. Naturalmente questo è a tutti gli effetti un ostacolo che rende difficoltosa la negoziazione di criptovalute, in modo particolare per chi è poco pratico di exchange e wallet ma vorrebbe comunque fare trading.

Poloniex ha subito numerose ri-progettazioni ed espansioni dal suo lancio iniziale. Il servizio ora fornisce anche analisi tecniche e supporto agli utenti oltre alle sue funzioni commerciali originali, nonché una gamma estesa di funzionalità di trading.

Come si presenta la piattaforma Poloniex, un exchange di criptovalute che non accetta valuta fiat
BrokerValutazionedeposito minimoregolamentazioneinizia ad investire
1250 $USA Allowedinvesti ora!
2100 $USA Allowedinvesti ora!
3250 $investi ora!

I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD

Le commissioni su Poloniex

Secondo Poloniex.com, il quartier generale online dell’exchange, Poloniex opera sulla base di un programma tariffario a livelli di volume generati, che è stato adottato a marzo 2016. Sul suo sito web si legge:

Il modello di maker-taker incoraggia la liquidità del mercato ricompensando i produttori di tale liquidità con uno sconto sulle commissioni.

Inoltre, si traduce in uno spread di mercato più stretto a causa del maggiore incentivo per i produttori a superarsi a vicenda. La commissione più elevata che l’acquirente paga di solito è compensata dai migliori prezzi che offre questo spread più stretto.

In altre parole, maggiore è il volume di trading di un utente rispetto al periodo di 30 giorni precedente, minori sono le commissioni che l’utente riscontra. Il modello maker-taker, utilizzato in una varietà di tipi di exchange in tutto il mondo finanziario, mira a incentivare gli scambi all’interno di un particolare mercato. Lo fa offrendo ai market maker un incentivo a inviare ordini, facilitando così gli scambi.

Va però sottolineato che questi modelli sono spesso punitivi per il cliente in quanto sono incentivati a fare volumi anche quando dovrebbero star fermi. Nel caso di Poloniex, l’ulteriore vantaggio di una maggiore liquidità e di uno spread di mercato più ottimale è concepito per compensare la commissione più elevata che è a carico dell’acquirente, ma questo non basta a giustificare che le commissioni restano alte.

Sicurezza violata, insolvenza e attacchi informatici

Come con la maggior parte degli scambi di criptovaluta, Poloniex ha reso prioritario garantire agli utenti la sicurezza durante la transazione. In quanto tale, Poloniex assicura che:

La stragrande maggioranza dei depositi dei clienti siano archiviati offline in cold storage. L’exchange mantiene online solo i fondi sufficienti per facilitare il trading attivo, il che minimizza notevolmente il rischio e l’esposizione agli hacker e ad altre minacce.

Oltre a ciò, l’exchange mantiene vigili sistemi di monitoraggio e auditing che lavorano per proteggere le risorse degli utenti tutto il giorno. Anche con queste misure di sicurezza, tuttavia, ci sono state preoccupazioni degli utenti per quanto riguarda la sicurezza e la solvibilità di Poloniex.

BrokerValutazionedeposito minimoregolamentazioneinizia ad investire
1250 $USA Allowedinvesti ora!
2100 $USA Allowedinvesti ora!
3250 $investi ora!

I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD

L’elenco delle controversie

Nell’estate del 2017, ad esempio, è circolata una voce tra gli utenti secondo cui Poloniex stava vivendo un’insolvenza. La fonte delle voci era difficile da rintracciare, ma Coin Telegraph ha riferito che almeno un utente ha subito una significativa perdita finanziaria personale a seguito di hacking e che secondo quanto riferito l’utente non ha ricevuto assistenza tempestiva dal dipartimento di supporto Poloniex.

Altre questioni, inclusi conti congelati e prelievi disabilitati, hanno anche alimentato le voci sull’insolvenza. Il rallentamento dell’assistenza clienti e la ridotta funzionalità hanno suggerito ad alcuni che l’aumento della domanda su Poloniex da parte di una base di utenti in crescita avrebbe potuto sopraffare il sistema. Dall’inizio del 2017, quando tali problemi sono stati segnalati per la prima volta, Poloniex ha continuato a essere afflitta dalla preoccupazione degli utenti in merito ai tempi di elaborazione delle transazioni molto lunghi, al completamento delle transazioni e altro ancora. D’altra parte, finora Poloniex non ha subito grosse violazioni della sicurezza, che rimangono una delle principali preoccupazioni degli investitori in criptovaluta e degli scambi di valute digitali in senso lato. Il rallentamento ha anche influito sul processo di creazione dell’account e Poloniex riconosce che potrebbero essere necessarie settimane prima che un utente crei correttamente un nuovo account.

Alla fine dell’estate 2017, Poloniex ha modificato le sue condizioni d’uso, causando ulteriori problemi a determinati utenti. Coin Telegraph ha riferito che i responsabili degli exchange hanno dichiarato “che non faranno rivendicazioni o rilasceranno garanzie sulle reti sottostanti alle monete e che non vi è alcuna certezza che distribuiranno token biforcati nel caso in cui si verifichi una divisione della catena su qualsiasi rete”.

Spiegando in termini più semplici quello che c’è parso di capire è che Poloniex era pronto a non distribuire Bitcoin Cash a quegli utenti Poloniex che detenevano Bitcoin al momento dell’hard-fork. Di conseguenza, rimane una buona dose di scetticismo.

Fino a gennaio 2018, secondo quanto riferito, gli utenti di Poloniex hanno riscontrato problemi relativi ai saldi dei conti dei clienti nella piattaforma dell’exchange. Gli utenti interessati hanno suggerito che lo scambio non stava accreditando correttamente i saldi degli account utente quando quegli utenti hanno annullato gli ordini tramite Poloniex. In risposta, il team di Poloniex ha affrontato il problema tramite Twitter, annunciando che avrebbe indagato su eventuali reclami relativi a ordini annullati non rimborsati. Un rapporto di Coin Telegraph suggerisce che solo alcuni degli utenti che hanno riscontrato problemi di saldo del conto hanno visto i loro saldi adeguati al livello adeguato dopo l’indagine.

Mentre Poloniex e altri exchange di valute digitali hanno nel loro interesse quello di rendere felici i clienti e l’elaborazione regolare di conti e transazioni, anche un singolo passo falso o inesattezza possono compromettere notevolmente la reputazione di un exchange. Un utente di Poloniex ha riferito di aver atteso più di 5 mesi per l’elaborazione di un ordine, nonostante numerosi tentativi di raggiungere il team del servizio clienti di Poloniex al fine di risolvere il problema. Vi lascio immaginare che tipo di pazienza bisogna avere per non scoppiare e non mandarli a quel paese! D’altra parte, storie altamente pubblicizzate di altri exchange di criptovaluta che collassano o perdono misteriosamente grandi quantità di denaro possono mettere le abbiamo già ampiamente raccontate.

Anche Poloniex non è stato immune agli attacchi informatici

Facciamo un riepilogo:

Dal lancio di questo exchange avvenuto nel 2014, abbiamo già registrato le seguenti problematiche:

  • Un numero di clienti lamenta di non essere stato pagato, facendo scattare legittimi sospetti circa l’insolvenza dell’exchange stesso. Se, invece, l’exchange dovesse dimostrare di essere liquido allora vuol dire che è stato violato dagli hacker che hanno sottratto la liquidità. In entrambi i casi, non ci fa una bella figura
  • A partire dal 2017, ovvero l’anno in cui si è registrato il boom pazzesco delle criptovalute la piattaforma ha subito vistosi rallentamenti al punto da non rispondere più correttamente agli input dei suoi utenti
  • Il tilt della piattaforma ha provocato una serie di disagi: clienti che vedevano il proprio saldo disponibile non corrispondere alla realtà con notevoli ripercussioni sul servizio clienti che non è più stato in grado di rispondere all’enorme mole di ticket di utenti che protestavano per i disservizi
  • Ne hanno dunque anche la semplice iscrizione alla piattaforma e il prelievo fondi che hanno impiegato rispettivamente settimane e mesi prima di essere processati, cosa che ha irritato non poco soprattuto quegli utenti che stavano legittimamente aspettando di essere rimborsati.
  • Nel parapiglia generale, è impossibile pensare che tutti gli utenti siano stati rimborsati con successo. Crediamo che alcuni utenti, soprattutto quelli che avevano poca liquidità, hanno semplicemente deciso di lasciar perdere.

Vuoi fare trading di criptovalute? Scegli un broker sicuro e affidabile

Ecco perché ci sembra opportuno favorire la conoscenza di modalità alternative che sono rappresentate dai broker online certificati dalle autorità di vigilanza finanziaria, che dispongono di una liquidità segretata e che hanno tempi brevissimi per i prelievi e commissioni più basse.
Vi proponiamo le due soluzioni migliori:

eToro

Una delle migliori caratteristiche di eToro è di essere una piattaforma davvero semplicissima da usare e che vi consentirà di negoziare sul forex, indici, azioni, materie e prime e ben 10 tra le criptovalute più conosciute tra cui Bitcoin, Ethereum, Dash, Litecoin e Ripple. eToro è regolato dalla CySec, il massimo organismo di controllo dell’autorità finanziaria. Per accedere è sufficiente registrarsi con una e-mail e una password ed effettuare un deposito minimo di 200$. Una volta entrati nel sistema, il portale che vi si presenta davanti è intuitivo, tutte le asset-class sono suddivise per genere per cui con assoluta velocità potrete selezionare dove comprare o vendere! Se questo non bastasse, sappiate che con eToro non sarete mai soli perchè c’è un’assistenza chat 24 ore su 24 e la formazione è continua attraverso analisi di mercato sempre aggiornate e la Trading Academy che consta di video online, una biblioteca da poter consultare liberamente ma anche di webinar live per vedere come operano i professionisti in real-time.
In più, si dice spesso come bisogna imparare dai trader professionisti o comunque da quelli più esperti e profittevoli. E se invece, avessimo addirittura la possibilità, come sui banchi di scuola, di copiare da loro? Ed ecco che in nostro soccorso arriva il sistema di copy trading promosso da eToro, che vi permette di replicare tutte le operazioni che un determinato trader compie durante la giornata. Funziona esattamente come nei social network, il trader che voi andrete a seguire, posta la sua operatività e il sistema, in automatico, le esegue anche per voi. Forte, vero?
La scelta dei trader più profittevoli si può determinare facilmente consultando, con assoluta trasparenza, l’operatività nei profili traders e anche dalle classifiche che vengono aggiornate su base settimanale, mensile e annuale.

BrokerValutazionedeposito minimoregolamentazioneinizia ad investire
1250 $USA Allowedinvesti ora!
2100 $USA Allowedinvesti ora!
3250 $investi ora!

I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD

Plus500

Plus500 ti mette nelle condizioni di fare trading sulle criptovalute immediatamente: una registrazione al sito, un deposito minimo di 100 euro tramite bonifico, carta di credito, paypal e tutti gli altri pagamenti elettronici supportati e il gioco è fatto! 
Se siete di primo pelo, poi, Plus500 mette a disposizione la sua piattaforma in demo con la quale potrete allenarvi e diventare bravi senza impiegare del denaro reale (Poloniex non dispone di una piattaforma demo!)
La piattaforma, come dicevo, vi permette in un attimo di negoziare i vostri strumenti finanziari preferiti in quanto è davvero semplice da usare. Il broker è conosciuto nel mondo per la sua assistenza multi-lingua via chat 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. Questa attenzione per il cliente lo rende il miglior broker del mondo! Oltre alla chat, adatta a risolvere piccole e grandi questioni inerenti all’operatività, potete mandare e-mail che saranno prese in carico da professionisti del settore. 
Inoltre, è a vostra disposizione tanto materiale formativo per applicare con profitto quello che studierete!
Plus500 gode di un’ottima reputazione nelle recensioni che si possono trovare sul web. Il broker è quotato in borsa al London Stock Exchange ed è rinomato per la puntualità con cui permette i prelievi dei profitti generati, oltre ad avere commissioni bassissime! 

Ricapitolando, Plus 500, vi offre un servizio super:

  • Per velocità di apertura conto ed esecuzione degli ordini di mercato, (Dimenticate le lunghe attese di Poloniex!)
  • per la sua piattaforma facile da usare,
  • assistenza gratuita 24/7, (con risposte esaurienti e competenti, non risposte automatiche di un bot)
  • depositi minimi e prelievi immediati e, soprattutto, lo ribadiamo ancora una volta, regolamentazione e autorizzazione della Consob e degli altri principali organi di vigilanza.

Arriviamo alla parte finale della nostra recensione, dove incontreremo un ex utente di Poloniex che ci racconterà la sua esperienza con l’exchange. Si tratta di un trader professionista che non è comunque riuscito ad evitare una serie di problematiche. Ma senza che sia io a raccontarvele, facciamo parlare direttamente l’interessato.

Intervista ad un ex utente della piattaforma Poloniex

Ciao e grazie di aver accettato il nostro invito. Stiamo conducendo un’indagine su Poloniex e avevamo proprio bisogno di una testimonianza importante. Ci racconti la tua esperienza?

Sono io che ringrazio voi. Quando ho saputo della vostra inchiesta mi sono subito messo in contatto con la vostra redazione perché vorrei finalmente svuotare il sacco e togliermi anche qualche sassolino dalla scarpa. La mia esperienza con Poloniex è stata pessima sotto tutti i punti di vista.

Ok. Cominciamo dalla piattaforma: cosa ci dici in merito?

La piattaforma è decente, ma mi rendo conto che bisogna avere già dell’esperienza alle spalle. Se sei principiante, sei lasciato al tuo destino. Già devi possedere criptovalute prima di poterle scambiare è questo è già limitante per chi crede che iscrivendosi a Poloniex potrà farlo. In ogni caso, la piattaforma è andata via via peggiorando diventando sempre più lenta e, no, non dipendeva dal mio computer perché ne ho provati diversi.

Cosa ci dici invece dei prelievi e del servizio clienti?

Ah, qui mi devo sfogare. C’è stato un prelievo che mi ha fatto penare. Sono stato oltre 2 mesi ad aspettare e a continuare a controllare con la speranza che mi fosse pagato. Quando poi contattavo il servizio clienti mi forniva risposte evasive, quando si degnavano di rispondere. Mi sono detto, ok, ci metto una pietra sopra e non ci penso più.

È stato questo il motivo per cui hai deciso di abbandonare Poloniex?

No, questa è stata solo la punta dell’iceberg. Come ti dicevo prima, la piattaforma era preda di rallentamenti continui che mi condizionavano l’operatività. Poi, chiaramente quando devi aspettare mesi per ricevere un pagamento e nessuno si degna di darti una risposta, comprendi che stai avendo a che fare con un servizio poco serio e che non merita né il tempo né il denaro che gli stai dedicando.

Ultima domanda: fai ancora trading di criptovalute? Quale exchange stai utilizzando?

Sì, faccio ancora trading di criptovalute, ma con una precisazione: non utilizzo più gli exchange dal momento che si sono dimostrati tutti privi di affidabilità. Utilizzo un broker online per il trading, che mi permette di comprare e vendere criptovalute come e quando voglio. Posso liberamente utilizzare moneta fiat per speculare perché le criptovalute più importanti sono replicate dai CFD. In più, grazie alla leva finanziaria e a un po’ di esperienza in materia, si può guadagnare molto di più andando a lavorare nei momenti in cui la volatilità è più elevata, facendo però naturalmente attenzione agli importi da usare.

BrokerValutazionedeposito minimoregolamentazioneinizia ad investire
1250 $USA Allowedinvesti ora!
2100 $USA Allowedinvesti ora!
3250 $investi ora!

I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD

Le nostre conclusioni su Poloniex

Così come è avvenuto per altri exchange che avevamo precedentemente recensito, anche Poloniex ci ha mostrato gli stessi difetti, che sono stati sufficientemente descritti dal nostro amico che l’ha provata personalmente.

Ogni exchange parte con buone premesse e una piattaforma accattivante, ma poi sembra non reggere al traffico di utenti, alla pressione crescente che questi asset digitali stanno esercitando. E quindi, siamo sempre qui a parlare dei soliti problemi: rallentamenti della piattaforma, servizio clienti che non è sufficientemente numeroso o preparato nel rispondere alle lamentele, errori nei pagamenti e, naturalmente, furti.

Sì, perché i vostri fondi non saranno mai completamente al sicuro in nessuno di questi exchange, che non sono nemmeno regolati dalle autorità finanziarie di vigilanza.

La soluzione è quindi abbandonare gli exchange e smettere di accumulare criptovalute con i wallet perché sono sistemi vulnerabili. Dal momento che quello che a noi interessa è la pura speculazione sulle criptovalute, tanto vale affidarsi a broker seri e regolamentati che offrono la possibilità di comprare e vendere criptovalute con i CFD. Con l’ausilio di questi strumenti a leva che replicano il sottostante, potrete dunque andare a sfruttare al meglio l’alta volatilità che caratterizza questi asset finanziari e non dovrete più preoccuparvi dei furti o degli attacchi informatici.

[post_views]