Home Azioni Italiane Comprare azioni Mediaset, analisi e quotazioni aggiornate

Comprare azioni Mediaset, analisi e quotazioni aggiornate

Nel settore televisivo e dei media legati all’ intrattenimento, Mediaset è sicuramente uno dei leader assoluti in Italia, questa società infatti fornisce agli italiani una serie di servizi televisivi tra i più seguiti in Italia, ciò permette a Mediaset di mantenersi su un andamento rialzistico in borsa.

Recensione utenti: 38 votes
75% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Mediaset è una delle più importanti aziende italiane specializzate nei media e nella televisione, con un’attività principale che coinvolge numerosi settori diversi tra loro, tra cui la necessità di gestire diverse reti televisive che comprendono 4 canali generalisti e 8 canali tematici; Mediaset deve inoltre occuparsi della vendita di diritti audiovisivi e della gestione di pubblicità.

Le azioni Mediaset sono un buon acquisto?

Il gruppo realizza naturalmente la maggior parte dei propri affari in Italia, per il 72%, ma arriva anche in altri paesi d’Europa, tra cui la Spagna.

BrokerValutazionedeposito minimoregolamentazioneinizia ad investire
1250 $USA Allowedinvesti ora!
2100 $USA Allowedinvesti ora!
3250 $investi ora!

I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD
Mediaset possiede le reti televisive più famose in Italia

Mediaset ricopre un ruolo da protagonista sul mercato, essendo una delle più grandi società italiane impegnate nel mondo delle telecomunicazioni televisive. L’azienda fa capo alla Mediaset SpA che a sua volta fa capo alla Fininvest SpA, gruppo fondato nel 1978 da Silvio Berlusconi.

La storia di Mediaset inizia dalla piccola rete locale Telemilano alla fine degli anni ’70. Dopo qualche cambiamento, Telemilano diventerà poi Canale 5, emittente diffusa su tutta la nazione, a cui si affiancheranno Italia 1 nel 1982 e Retequattro nel 1984: questo gruppo verrà poi rinominato Rti.

Nel 1996 avvengono ulteriori unioni, con Rti che si aggrega a Videotime, Publitalia 80 e Elettronica Industriale in un’unica società che prende il nome di Mediaset, che comincia in questo modo la sua avventura nella Borsa di Milano.

La grande concorrenza incontrata in Italia nel campo della diffusione di contenuti televisivi  non è così forte, ma all’estero la presenza di numerosi gruppi rende difficoltoso imporsi sul palcoscenico internazionale, con aziende molto solide e fungono da modelli di riferimento per altre stazioni televisive, competendo infine con Mediaset stessa.

Numerose collaborazioni

Anche per questi motivi Mediaset ha deciso di rafforzare la propria posizione, formando un gruppo assieme a TF1 e a Studio71 (diffuso in Germania, Stati Uniti e Gran Bretagna) che andrà a coinvolgere diversi paesi europei: l’unione delle tre principali emittenti del panorama audiovisivo europeo permette di convogliare in un unico grande gruppo, l’audience già estesa delle singole emittenti televisive.

Altro accordo fondamentale per Mediaset è quello siglato con Vivendi nel 2016, secondo il quale le due imprese si sarebbero impegnate ad attuare un procedimento di intenti comuni atto a completare diverse iniziative nel campo della produzione e distribuzione di programmi audiovisivi, oltre alla nascita di una piattaforma presente su internet dal nome “Over the Top” e dal pubblico internaizionale.

Il titolo Mediaset suscita quindi riscontri molto interessanti, specialmente perché il contesto in cui opera può essere una grande alternativa nella scelta degli investimenti da effettuare, essendo inoltre l’unico titolo nel settore dei media presente in Piazza Affari.

Una grande crescita

 Il 2016 stesso non è stato un anno di grande crescita con Mediaset che ha chiuso in perdita di 294,5 milioni di euro, cifra causata dal mancato accordo stipulato tra Mediaset e Vivendi per la cessione di Mediaset Premium. Nonostante tutto, sono comunque arrivate entrate buone dal settore pubblicitario, cosa che è riuscita a trainare l’azienda nel momento difficile e potrebbe sostenerla in futuro in caso di ulteriori difficoltà. Il gruppo Mediaset conta di entrare in crescita nel 2020, dopo diversi anni caratterizzati da ingenti investimenti volti ad ampliare il palinsesto, fornendo maggiori contenuti al pubblico.

Mediaset si può perciò classificare come una tra le imprese italiane più redditizie, unica del proprio settore e avvantaggiata grazie alla possessione dei diritti per l’utilizzo dei canali multiplex del digitale terrestre. Inoltre, l’azienda fornisce servizi che spaziano dalla tv digitale a quella analogica, non trascurando l’offerta on demand; in questo modo, Mediaset si prefissa di raggiungere sempre più possibili clienti, sfruttando la presenza contemporanea su più segmenti.

Il gruppo resta però al centro di polemiche per le frequenze televisive utilizzate, ritenute ingiuste verso la concorrenza. Se dovessero accorrere dei problemi, questi potrebbero influire in maniera importante sugli introiti di un’azienda che deve comunque già sostenere costi molto alti.

BrokerValutazionedeposito minimoregolamentazioneinizia ad investire
1250 $USA Allowedinvesti ora!
2100 $USA Allowedinvesti ora!
3250 $investi ora!

I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD

Come acquistare azioni Mediaset in 5 mosse

Per iniziare ad investire, sarà necessario affidarsi a una delle migliori siti di trading – come eToro (recensioni e opinioni qui) – che ci consentono di effettuare le operazioni basilari del mercato degli investimenti, ed effettuare un’analisi tecnica dei titoli.

1° passo

Una volta entrati nel sito, basterà cliccare sul pulsante iscriviti subito e, una volta compilati i campi, si potrà effettuare l’accesso al proprio profilo.

2° passo

A questo punto basterà effettuare il primo deposito cliccando sull’icona apposita.

3° passo

Ora, cliccando sull’icona “Mercati” si potrà andare a scegliere dove operare, scegliendo tra Cripto, ETF, Azioni, Indici, Materie Prime e Valute.

4° passo

Scegliendo uno dei vari strumenti finanziari, ci si troverà davanti tutto un elenco di titoli su cui sarà possibile investire.

5° passo

Cliccando su uno dei titoli e valutando quale siano le migliori azioni sul mercato, sarà possibile selezionare la quantità da acquistare, impostare indicatori e concludere il tutto cliccando su “imposta ordine”.

[post_views]